Quitidiano on line

L’INDICE ZEW TEDESCO FA UN BALZO DA LEONE: DAI 28,2 PUNTI DI APRILE AI 51 DI MAGGIO

DI VIRGINIA MURRU

 

 In tempi di pandemia, con l’economia globale che sprofonda e  i dati macro che fanno acqua da tutte le parti, a causa di un’emergenza sanitaria che per due mesi e oltre ha bloccato gran parte del sistema economico ovunque, nessuno può vantare di averla fatta franca con gli assalti del virus.

Nemmeno la solida Nazione tedesca, chiamata a ragione la locomotiva che traina l’economia europea. Ora, a sorpresa, spunta l’Indice Zew (o economic sentiment) che indica la fiducia, il sentiment delle imprese sugli scenari futuri, che a maggio ha fatto un balzo da leone, arrivando a 51 punti, da 28,2 di aprile.

Certo, tanto per citare un detto popolare, ‘una rondine non fa primavera’, però è sicuramente un segno importante, un semaforo verde che indica l’inizio di una svolta, anche se l’economia tedesca, a parte l’emergenza Covid-19, ha dimostrato, nel corso del 2019 diversi cedimenti, soprattutto nel settore industriale-manifatturiero.

L’indicatore, che è anticipatore del sentiment dell’economia, sicuramente ha dato un grande impulso di fiducia sulla ripartenza negli ambienti economici e finanziari, ed è stato elaborato dall’Istituto di ricerca tedesco Zew Institute.

Nessuno, nemmeno i più ottimisti sulla ripresa, si aspettavano un tale vigore, soprattutto perché siamo ancora in piena emergenza Covid. Si aspettava che l’indice non andasse oltre i 32 punti, infatti.

Secondo il presidente dello Zew Institute – Achim Wambach – ‘l’ottimismo invece sta aumentando circa l’ipotesi che già dopo il periodo estivo il tessuto produttivo possa riaccendere tutti i suoi motori, con i ritmi pre-Covid. Secondo il parere degli esperti, il processo di recupero della piena potenzialità richiederà però il suo tempo, e solo fra due anni la produzione raggiungerà i livelli del 2019.

Risulta in salita anche l’indicatore che mette in luce le prospettive dell’area Euro, il quale, dai 25,2 punti passa a 46, un bel salto dunque anche nel versante europeo.