MICHELE

DI PIERLUIGI PENNATI
https://alganews.wordpress.com/
pierluigi-pennati
Michele non era il primo
da anni sento di giovani e vecchi che si suicidano per il lavoro, persino un imprenditore che non voleva licenziare i suoi dipendenti, suicida perché non riusciva più a sostenere il rimorso di non riuscire a dare da lavorare per il pane alle famiglie dei propri dipendenti, un Marchionne al contrario.
Michele non era il primo
ed ogni volta che sento una notizia del genere mi viene un nodo allo stomaco, penso a chi ha troppo e non si vergogna ed allora mi viene da vomitare.
Michele non era il primo
ed io faccio quello che posso, anche se non abbastanza, lo ammetto.
Michele non era il primo
per dare a Michele ed agli altri come lui ragioni di autoeliminarsi, andando all’estero o suicidandosi, si fa molto, si aumenta il precariato ed abbassa il costo della manodopera, così si rilancia l’economia  (forse), ma si spinge la gente alla disperazione (certamente).
Michele non era il primo
e mentre si struggeva per il lavoro qualcuno pensava ad obbligarci a salvare una banca e garantire una gara di golf stanziando miliardi delle nostre tasse e nascondendo i nomi degli insolventi invece di sostenere l’occupazione stabile.
Michele non era il primo
ma si è suicidato mentre governava la sinistra da anni… qualcuno a sinistra dovrebbe riflettere.
Michele non era il primo… io vorrei che fosse l’ultimo!
Non si può morire per il lavoro in uno stato che si vanta di essere una potenza industriale, ma abbandona le persone a se stesse, utili a pagare tasse, inutili quando manifestano disagio.
Michele non era il primo, non scordiamocelo in favore di Sanremo.

Commenta per primo

Lascia un commento